A chi si rivolge

PROBLEMI E PATOLOGIE AFFRONTABILI MEDIANTE TERAPIA BREVE STRATEGICA

La Psicoterapia Breve Strategica è un approccio pragmatico alla soluzione dei problemi umani con specifici fondamenti teorici e con una prassi operativa in costante evoluzione sulla base dell’esperienza empirica. Si tratta di un approccio breve (entro le 10 sedute) focalizzato sul funzionamento del problema nel presente – tecnicamente, sulle “tentate soluzioni” alla base della sofferenza – che produce non solo un cambiamento nelle modalità attraverso le quali una persona costruisce la propria realtà personale e interpersonale, ma anche l’eliminazione duratura della sintomatologia.

Disturbi d’ansia
– disturbo da attacchi di panico con o senza agorafobia
– disturbo d’ansia generalizzato
– fobia sociale
– disturbo post-traumatico da stress
– fobie specifiche
– ossessioni
– compulsioni
– disturbi somatoformi (ipocondria, dismorfofobia, disturbo da somatizzazione, ecc.)

Disordini alimentari
– Anoressia
– Bulimia
– Vomiting
– Binge Eating

Depressione
– Depressione maggiore e minore
– Disturbo Bipolare

Disturbi sessuali
– difficoltà di erezione
– eiaculazione precoce o ritardata
– anorgasmia, vaginismo e dispaurenia
– disturbi del desiderio

Problemi dell’infanzia e dell’adolescenza
– disturbo da deficit dell’attenzione con iperattività
– disturbo oppositivo-provocatorio
– mutismo selettivo
– disturbo da evitamento
– ansia da prestazione
– fobia scolare
– disturbo da isolamento

Problemi relazionali e di coppia
– litigi tra partner e litigi familiari
– difficoltà relazionali
– abbandoni relazionali

Dipendenze da Internet o dal Gioco 
– la information overloading addiction: ovvero, quando le informazioni non bastano mai
– lo shopping compulsivo in Rete
– on-line gambling: ovvero le scommesse in rete
– il trading on-line compulsivo
– la chat dipendenza
– la dipendenza da cybersesso

DATI STATISTICI SULL’EFFICACIA TERAPEUTICA
Qui di seguito sono riportate le statistiche interne sull’efficacia terapeutica suddivise per tipologie di problemi. Il valore dei suddetti dati è meramente indicativo, in quanto riferito alla valutazione clinica di fine terapia fatta in accordo con il paziente.
L’efficacia terapeutica è differente a seconda del problema: in particolare la maggiore efficacia terapeutica viene raggiunta per i disturbi della gamma fobico/ossessiva, dove si attesta al 93%.
I dati si riferiscono unicamente alle tipologie di problemi per i quali è stato messo a punto un protocollo clinico di intervento. I protocolli vengono ritenuti validi ed efficaci unicamente se superano la soglia del 70% di casi risolti. I più recenti dati di efficacia (soluzione o miglioramento terapeutico) ed efficienza (numero di incontri) riportano l’86% dei casi risolti in una media di 7 sedute (Nardone e Watzlawick, 2005).
Efficacia terapeutica divisa per tipologia di disturbo: Disturbi fobici (nel 95 % dei casi), disturbi ossessivi (nel 89% dei casi). Disordini alimentari (nel 83% dei casi). Disturbi sessuali (nel 91% dei casi). Depressione (nel 82% dei casi) Problemi relazionali nei diversi contesti e Problemi dell’infanzia e dell’adolescenza (nel 82% dei casi) Disturbi legati all’abuso di Internet (nel 80% dei casi).
Fonte: Nardone, Watzlawick, Brief Strategic Therapy, 2005