Il Centro di Terapia Strategica di Arezzo

Il C.T.S. è stato fondato ad Arezzo nel 1987 da Paul Watzlawick e Giorgio Nardone. E’ un Istituto di ricerca, formazione e attività clinica in campo psicoterapeutico, diventato negli anni un punto di riferimento all’avanguardia per tutti gli specialisti della salute mentale, psicologi, psichiatri, psicoterapeuti e medici.

Il Dott. Alessandro Bartoletti è «Psicoterapeuta Ufficiale» del Centro di Terapia Strategica e Responsabile della sede Didattica di Roma.

Storia

Verso la fine degli anni ’80 i due fondatori, Paul Watzlawick e Giorgio Nardone iniziarono a formulare, in maniera del tutto originale, il modello di terapia breve strategica distinguendolo dalle altre forme di psicoterapia breve di stampo sistemico ed ericksoniano o di tipo cognitivo-comportamentale, definendone le prerogative epistemologiche-teoriche e applicative, il metodo della ricerca, la logica di problem solving strategico e le strategie di comunicazione terapeutica. L’obiettivo era quello di far evolvere il modello del Mental Research Institute di Palo Alto (Brief Therapy) in direzione di una  più avanzata tecnologia terapeutica che permettesse maggiori risultati a livello di efficacia e di efficienza dei trattamenti. Il tutto dette l’avvio a quella che poi sarà la moderna evoluzione della Psicoterapia Breve Strategica, presentata al largo pubblico nel 1990 attraverso la pubblicazione del manifesto dell’approccio evoluto L’arte del cambiamento. Manuale di terapia strategica e ipnoterapia senza trance, scritto dai due autori, tradotto in oltre dieci lingue con oltre 60 differenti edizioni.

Attività

Dal 2000 il C.T.S. è sede della Scuola di Specializzazione post-laurea per Medici e Psicologi in Psicoterapia Breve Strategica (Brief Strategic Therapy Giorgio Nardone’s Model) riconosciuta ufficialmente dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), per il rilascio del titolo di Psicoterapeuta. Attualmente ci sono oltre 40 sedi didattiche e di ricerca sparse in tutto il mondo (Italia, Spagna, Francia, Belgio, Irlanda, Russia, Romania, Mexico, Colombia, Cile, Argentina, Costa Rica, Paraguay, Stati Uniti ecc.) che garantiscono corsi di insegnamento e di aggiornamento.

Fin dalla sua fondazione il Centro di Terapia Strategica ha sempre dato il medesimo peso sia alla ricerca scientifica che alla pratica clinica considerandole l’una interdipendente all’altra. La ricerca, infatti, è un mezzo essenziale per rendere più efficace e affidabile l’attività clinica mentre la pratica terapeutica rappresenta una vera e propria forma di ricerca empirico-sperimentale.
Riteniamo che lo specialista che presta opera di aiuto terapeutico debba essere sia ricercatore che clinico e che le due “anime” garantiscono al primo di non distaccarsi troppo dalla realtà che si vive e al secondo di non perdercisi dentro.

Il lungo lavoro di ricerca-intervento si è consolidato in oltre 30 progetti di ricerca realizzati che hanno condotto alla messa a punto di altrettanti originali protocolli terapeutici che rappresentano, attualmente, in molti casi, le best practice del settore. Molto più numerose sono invece le pubblicazioni internazionali, scientifiche e divulgative, derivate da tutto questo lavoro di ricerca e di intervento in ambito clinico, alcune veri e propri best/long seller e altri testi di insegnamento nelle migliori Università internazionali. Il tutto ha reso il Centro di Terapia Strategica di Arezzo il punto di riferimento mondiale per la Psicoterapia Breve Strategica e la Comunicazione orientata al cambiamento. Il gruppo di lavoro e di ricercatori che nei primi anni novanta contava circa 10 collaboratori è cresciuto su scala internazionale, i collaboratori ufficiali che portano avanti studi e ricerche per avanzare ulteriormente il modello di intervento e che lo utilizzano fedelmente sotto diretta supervisione mensile di Giorgio Nardone, sono oltre 200; operanti in tutti i cinque continenti.